Rapporti tecnici

Primo rapporto di monitoraggio sui registri nazionali e territoriali delle organizzazioni non profit

Il Rapporto è legato al processo di riforma del Terzo settore e contiene, sistematizzate e finalizzate a un immediato utilizzo, informazioni sui registri delle organizzazioni non profit raccolte dall’Isfol – GdR "Sistematizzazione delle basi conoscitive per il rafforzamento del ruolo dell’economia sociale nel sistema di welfare a regia pubblica" nel primo semestre 2016. Disponibile anche su

Il punto su l'Accountability e l'Accreditamento degli enti del Terzo Settore

Contributo alla sistematizzazione delle basi conoscitive per il rafforzamento del ruolo dell’economia sociale nel sistema di welfare a regia pubblica in materia di rendicontazione sociale, delle componenti di valore e impatto sociale, e di relazione tra accountability e accreditamento nel sistema di registrazione degli enti non profit, nel merito dei contenuti espressi dalla Riforma all’ art. 4 lettera m) e lettera o) e all’art. 7.Disponibile anche su

Secondo rapporto di monitoraggio sui registri nazionali e territoriali delle organizzazioni non profit

Secondo rapporto di monitoraggio sui registri nazionali e territoriali delle organizzazioni non profit sui Registri tenuti a livello centrale da istituzioni e da privati, con un’articolazione interna che prevede un aggiornamento sulla normativa, nazionale e regionale di attuazione dei principi della riforma e la descrizione ragionata dei registri centrali/nazionali del Terzo settore, finora reperiti, tramite l’uso di schede che descrivono gli elementi costitutivi dei registri. Disponibile anche su

Supporto alle attività di coordinamento inter istituzionale e tra programmi operativi sui temi della disabilità

Il Rapporto raccoglie i risultati del progetto “Supporto alle attività di coordinamento inter istituzionale e tra programmi operativi sui temi della disabilità”, Asse 4 – Capacità amministrativa, priorità di investimento: 11.ii. Il file del Rapporto è sotto embargo in quanto presso l'Autorità di gestione.

Piano nazionale per la garanzia di qualità del sistema di istruzione e formazione

Il Piano nazionale per la garanzia di qualità del sistema di Istruzione e Formazione professionale si colloca nel contesto italiano caratterizzato dalla presenza di molteplici attori istituzionali a livello nazionale e regionale e dal rilevante ruolo delle Parti Sociali. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, le Regioni e le Province Autonome, condividendo le finalità e i vantaggi connessi all’attuazione della Raccomandazione europea EQAVET, hanno concordato sull’opportunità di individuare un quadro di riferimento comune per l’assicurazione della qualità del sistema di Istruzione e Formazione, che garantisca scelte e dispositivi omogenei, lasciando altresì all’autonomia dei diversi soggetti interessati le decisioni su ulteriori evoluzioni e declinazioni territoriali. In questa cornice, il presente documento si candida ad offrire delle “linee guida” per l’azione dei vari soggetti coinvolti che devono muoversi, ognuno nel proprio ambito di competenza, in maniera coordinata e condivisa. In questa cornice, il presente documento si candida ad offrire delle “linee guida” per l’azione dei vari soggetti coinvolti che devono muoversi, ognuno nel proprio ambito di competenza, in maniera coordinata e condivisa.