Rapporti tecnici

Istruzione e Formazione in Europa. Italia. Rapporto preliminare

Dicembre, 2016

INAPP ; Refernet

I report Cedefop-ReferNet offrono una panoramica del sistema nazionale di istruzione e formazione dei Paesi membri UE, Islanda e Norvegia al fine di rendere conoscibili le caratteristiche salienti, il ruolo che il sistema VET esplica in una prospettiva di apprendimento lungo l’arco della vita e la sua rilevanza ed interazione con il mercato del lavoro in ciascun Paese.

Elementi di quadro e approcci metodologici finalizzati ad uno studio progettuale per la costruzione di partenariati pubblico/privati per la competitività e l'inclusione sociale

Dicembre, 2016

Catalano, Nicola

Studio progettuale per la proposta di linee guida finalizzate alla definizione della cornice in cui dovrebbero operare le amministrazioni nazionali e regionali per la sperimentazione, su piccola scala, di un modello di ricerca-azione che integri sviluppo di cluster di imprese, riduzione delle disparità e contrasto alla povertà, declinando una metrica di responsabilità sociale e civile, mobilitando competenze e conoscenze delle comunità scientifiche e della società civile, nel solco del partenariato sociale e civile. Disponibile anche su

Misurare l'impatto sociale e il valore intangibile delle comunità professionali informali nell'era digitale

Novembre, 2016

ISFOL ; Giannottu, Caterina ; Ricciardi, Rosanna ; Rojas, Jessica

Technical Report. Lo studio si è proposto di formalizzare un nuovo approccio alla rilevazione, alla misurazione e all’interpretazione del campo di azione di un soggetto sociale, isolandone le principali tendenze comportamentali dentro e fuori dal web. La finalità ultima cui lo studio ha teso è stata quella di sviluppare un sistema di misurazione che permetta al legislatore e al policy maker di pianificare azioni mirate ed obiettivi a breve, medio e lungo termine basandosi su dati in costante e simultaneo aggiornamento. 1/2016

Utilizzo degli indici di deprivazione per orientare le politiche pubbliche di contrasto alla povertà (Paper)

Ottobre, 2016

ISFOL ; Caranci, Nicola ; De Felici, Patrizia ; Giuliano, Giovanna ; Mancini, Federica ; Rosano, Aldo

Technical Report. La convinzione che i determinanti della povertà siano connessi esclusivamente con la disponibilità di reddito è stata sostituita da un’idea più complessa. Il reddito globale e il reddito medio pro-capite, sono indicatori parziali che da soli non sono in grado di dare conto dello svantaggio che si concretizza su numerosi piani. Il contributo propone di utilizzare degli indici di deprivazione sociale, calcolabili con il massimo dettaglio territoriale disponibile; ciò favorirebbe un riparto più equo delle risorse all’interno delle regioni. 09/2016

Education and Training 2020. Atlante Statistico

Settembre, 2016

ISFOL ; Franzosi, Claudio ; Picozza, Marco

Technical Report. L’Atlante Statistico intende caratterizzarsi come uno strumento di consultazione dei dati relativi al processo di ET2020, il programma di riforma varato dall’Unione europea e finalizzato a rendere l’Europa la più avanzata e competitiva economia al mondo basata sulla conoscenza. I dati raccolti nell’Atlante sono una selezione di quelli raccolti nelle pagine dell’Osservatorio ET2020 e sono elaborati e sistematizzati in un quadro coerente a partire prevalentemente dalle elaborazioni di Eurostat e ISTAT. 07/2016

La dimensione normativa e procedurale attraverso la raccolta, l’implementazione e l’analisi delle norme e delle procedure in essere a livello locale, regionale e nazionale

Luglio, 2016

Bartoli, Giovanni ; Carbone, Anna Elisa ; Menegatti, Valentina ; Ranieri, Cristiana

L’iter di Riforma sul Terzo settore, recante "Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale" (convertito nella Legge 6 giugno 2016, n. 106) prevede la riorganizzazione del sistema di registrazione degli enti attraverso la definizione di un Registro Unico sul Terzo settore. Il presente rapporto sui modelli di registrazione degli enti di terzo settore nella normativa, in particolare di livello regionale, costituisce una premessa per fornire alcune basi informative a cui ricondurre le tipologie di modelli da utilizzare nella definizione del processo di attuazione della Riforma. 12/2015

Primo rapporto di valutazione del programma operativo nazionale Iniziativa occupazione giovani al 31 dicembre 2015. Previsto dal Regolamento (Ue) n. 1304, art. 19, comma 6

Luglio, 2016

Ciampi, Silvia ; Lion, Cristina ; Stocco, Paola

Technical report. Il Primo rapporto di valutazione del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani (PON IOG) al 31 dicembre 2015 costituisce il primo dei due rapporti tecnici di valutazione previsti dal regolamento in materia di Garanzia Giovani e sostegno alla occupazione giovanile (Regolamento (UE) N. 1304/2013, art.19, comma 6). Il Rapporto, realizzato nell’ambito delle attività del progetto Isfol “Il monitoraggio e la valutazione del Piano della Garanzia per i Giovani in Italia”, è strutturato in due volumi. Il primo volume, partendo dall’analisi del contesto all’interno del quale è stata definita la strategia di intervento, presenta le analisi descrittive sull’implementazione e attuazione del PON IOG e dei Piani di Attuazione Regionali (PAR), oltre che la valutazione di efficacia e di efficienza del PON IOG. Il secondo volume contiene le monografie regionali, che approfondiscono a livello territoriale l’implementazione e l'attuazione dei PAR e il raccordo tra lo strumento finanziario IOG e altri strumenti di sostegno alle politiche per i giovani. L’elaborazione del prossimo rapporto tecnico è prevista da regolamento entro il 31 dicembre 2018.

Secondo rapporto internazionale Indagine OCSE-PIAAC

Giugno, 2016

ISFOL ; Amendola, Manuela ; Di Francesco, Gabriella ; Mineo, Simona ; Roma, Fabio

Technical Report. Briefing note relativa al Secondo Rapporto Internazionale indagine OCSE-PIAAC. L'indagine, condotta dall’OCSE, ha lo scopo di analizzare il livello di competenze degli adulti di età compresa fra i 16 e i 65 anni in literacy, numeracy e problem solving in ambienti tecnologicamente avanzati. 06/2016

Economia sociale e Terzo settore. Catalogo normativo

Giugno, 2016

Carbone, Anna Elisa

Technical Report. Il Catalogo è il frutto del monitoraggio del processo di istituzione e aggiornamento dei registri settoriali. Contiene i riferimenti normativi e procedurali regionali sull’economia sociale e sul Terzo Settore. E’ strutturato nelle tipologie giuridiche più diffuse a livello territoriale. Le fonti utilizzate sono costituite dai siti istituzionali delle Regioni. Versione fluida http://goo.gl/EWUInY

Over 50 e Politiche regionali 2010-2013

Giugno, 2016

ISFOL ; Aversa, Maria Luisa ; Scarpetti, Giuliana

Technical Report. Lo studio analizza e sistematizza i risultati di una ricerca promossa dall’ISFOL, volta a censire le iniziative attuate a livello regionale per favorire la partecipazione al mercato del lavoro di donne, giovani, stranieri legalmente residenti nel territorio italiano, persone con disabilità e lavoratori anziani (over 50), nel triennio 2010-2013. Ne emerge che i lavoratori anziani costituiscono un target in genere incluso in Bandi/avvisi multi target e multi azione, indirizzati a soggetti svantaggiati, a rischio o esclusi dal mondo del lavoro. In questo contesto, usufruiscono prevalentemente di supporto all’inserimento occupazionale, attraverso la concessione di incentivi per la formazione e riqualificazione, e in alcuni casi della concessione di micro-credito per la creazione di impresa. 12/2015

ISFOL APPUNTI - XVI Rapporto sulla Formazione Continua. Annualità 2014-15

Maggio, 2016

ISFOL

Sintesi del XVI Rapporto annuale sulla Formazione continua realizzato dall’Isfol per conto del Ministero del Lavoro. Il Rapporto costituisce da sempre un’occasione di riflessione sulle politiche a supporto della formazione dei lavoratori e delle imprese. Oltre ad illustrare l’evoluzione delle diverse filiere del sistema, a partire dai Fondi interprofessionali, il Rapporto affronta anche la più ampia dimensione dell’apprendimento degli adulti, nell’ottica del lifelong learning. 5 maggio 2016

Inserimento lavorativo e formativo di soggetti autistici. La situazione in Italia

Aprile, 2016

ISFOL ; Bonanni, Massimiliano

Technical report. Viene presentata una panoramica delle tappe che hanno reso possibile - dopo una serie di raccomandazioni e indicazioni regionali, non sempre in armonia tra loro - l'approdo del nostro paese alla prima legge nazionale (la n.134/15), che in senso ampio prevede interventi finalizzati a garantire la tutela della salute e il miglioramento delle condizioni di vita, attraverso l’inserimento nella vita lavorativa e sociale delle persone con disturbo dello spettro autistico. 4-2016

Autismo e lavoro. Una breve rassegna bibliografica internazionale

Aprile, 2016

ISFOL ; Venturoli, Alessandra

Technical report. Il documento costituisce una rassegna bibliografica della letteratura in lingua inglese reperita sul motore di ricerca PubMed (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed) che ha permesso di analizzare ventotto articoli scientifici relativi all’argomento (v. bibliografia). Nonostante gli studi siano tutti in lingua inglese, essi coprono territori diversi dai soli Paesi in cui l’inglese è madrelingua. I temi trattati riguardano gli approcci terapeutici, l’analisi dei costi sociali per la presa in carico delle persone affette da DSA (Disordini dello spettro autistico) e per il loro inserimento lavorativo, alcuni modelli d'intervento per il sostegno all’impiego, la transizione scuola-lavoro, l’utilizzo della realtà virtuale e, infine, interventi con terapie alternative, quali yoga, shiatsu e pet therapy. 4-2016

ADA, EDA, IDA. La favola della formazione degli adulti continua

Aprile, 2016

ISFOL ; Nicoletti, Paola

Technical Report. Il paper affronta un tema di attualità soprattutto alla luce delle novità sull’istruzione degli adulti adottate nel 2015 con un decreto del Ministero dell’Istruzione, Università, Ricerca (Miur) recante le linee guida per il passaggio ai nuovi centri per l’istruzione degli adulti. 2015

La formazione continua in Italia. Lo stato dell'arte

Aprile, 2016

ISFOL ; Occhiocupo, Giuditta

Technical Report. Il documento, di carattere didattico, si propone di fornire un sintetico quadro eaustivo degli elementi utili a definire l'attuale contesto della formazione continua a livello nazionale, partendo dalla definizione stessa del concetto di "formazione continua" e della complessità di governo del relativo sistema per ampliare la trattazione del fenomeno a livello comunitario e alle novità introdotte dal cosiddetto Jobs Act nelle dinamiche e nelle specificità del ruolo delle parti sociali in materia. Si allegano inoltre stralci sulla formazione continua tratti, nello specifico, dalle disposizioni di riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive, presentati nelle medesime sede e circostanze. 21/03/2016

Invecchiamento delle forze di lavoro: questioni aperte e dinamiche di mercato

Marzo, 2016

ISFOL ; Fefe, Roberta

Technical Report. Il presente contributo intende avviare una riflessione sul rapporto fra invecchiamento demografico, dinamiche del mercato del lavoro e paradigmi di welfare emergenti. Utilizzando un insieme di fonti Isfol ed Istat sui principali indicatori del mercato del lavoro, il contributo offre una panoramica degli eventi che hanno connotano la partecipazione al mercato del lavoro delle persone fra i 55 ed i 64 anni di età, nelle diverse aree geografiche del Paese, fra il 2007 ed il 2014. Ciò al fine di reperire indizi sulle questioni di governance aperte e potenziali che l’invecchiamento ha posto in essere negli anni a cavallo della crisi, al crocevia fra regolazione della spesa pubblica, riforme pensionistiche e contesti produttivi in cambiamento. In allegato anche una bibliografia ragionata sul tema. 12/2015

I giovani e le politiche per il lavoro

Febbraio, 2016

ISFOL ; Chiozza, Alessandro ; Ferritti, Monya

Technical Report. Tracciare i confini che definiscono l’ambito di intervento delle politiche per i giovani, rappresenta oggi il punto di partenza necessario per comprendere, descrivere e progettare interventi e misure rivolti alla popolazione giovanile allo scopo di favorirne la transizione verso la vita adulta. Il presente contributo affronta prevalentemente due aspetti. Il primo è connesso con l’analisi dei dati relativi alle cinque tappe tradizionalmente associate al passaggio dall’età giovanile a quella adulta, ovvero: l’uscita dal circuito formativo, l’inserimento nel mondo del lavoro, l’indipendenza abitativa, il matrimonio/convivenza, la nascita di un figlio. Il secondo aspetto è invece relativo al quadro delle politiche e delle iniziative di carattere nazionale e regionale messe in campo nei diversi territori per favorire l’occupazione giovanile. In allegato anche una bibliografia ragionata sul tema. 12/2015