Coronavirus, Inapp: “Meno reddito e più carichi familiari, la ‘doppia tenaglia’ che ha colpito le donne”

Download infograficaCOMUNICATO STAMPA

I risultati del policy brief “Il post lockdown: i rischi della transizione in chiave di genere”

CORONAVIRUS, INAPP: “MENO REDDITO E PIU’ CARICHI FAMILIARI, LA ‘DOPPIA TENAGLIA’ CHE HA COLPITO LE DONNE”

Due i fenomeni da contrastare in questa lunga transizione: l’abbandono del lavoro delle donne come “scelta familiare” e la prevalente gestione femminile della cura di figli e anziani, sempre più inderogabile durante la pandemia e sempre meno condivisa dagli uomini. E il Congedo Covid19 non ha migliorato la situazione: il 90% delle donne lo ha utilizzato interamente, solo 8% ha diviso i giorni con il partner.

FADDA: “Il care burden incide fortemente sulle dinamiche della transizione tra la fase 1, quella del lockdown e la fase 2, quella della ripresa delle attività lavorative, soprattutto per le donne, e in modo specifico per una fascia che si potrebbe definire ‘sandwich’, compressa dalla doppia cura di bambini e genitori non più autosufficienti. Questo ‘sacrificio’ delle donne, per la tenuta del sistema familiare e per la salvaguardia del reddito (maschile) più forte, significa meno crescita e meno contributo al Pil e aumento del carico sulle politiche passive”

Roma, 25 novembre 2020 - Dopo il lockdown il rientro al lavoro non è stato uguale per tutti. Le differenze di genere si sono amplificate e a rimetterci sono state le donne lavoratrici che hanno pagato il prezzo più alto della crisi. A pesare sono stati essenzialmente due fattori: la differenza retributiva che ha riportato al lavoro per primo il partner che guadagna di più e il carico familiare, dall’accudimento dei figli ai genitori non più autosufficienti, in gran parte di competenza femminile. L’insieme di questi fattori ha portato nel 15% dei casi ad un “accordo familiare” in base al quale la donna rimanda, pospone e modifica il suo rientro al lavoro sino alla decisione di abbandonarlo. La retribuzione femminile mediamente più bassa e l’assenza di condivisione del partner in questa funzione rende il lavoro delle donne “sacrificabile”, ma con un costo nel medio termine sulla crescita del Paese. Un quadro che non è stato favorito neanche dall’utilizzo del Congedo Covid 19, la specifica policy che si proponeva di favorire il riequilibrio del carico di cura nella coppia. Nonostante, infatti, la norma consentisse la divisione col partner dei giorni di congedo, il 90% delle donne lo ha utilizzato interamente per sé e solo l’8% ha diviso i giorni con il partner.

Questi problemi sono stati rilevati dallo studio Il post lockdown: i rischi della transizione in chiave di genere” dell’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche (INAPP) basato su 689 interviste con un questionario, strutturato in 5 sezioni, che ha toccato tutti gli aspetti della transizione: profilo personale; condizione lavorativa;  caratteristiche della transizione dal periodo di lockdown dalla fase 1 (4 marzo-3 maggio) alla fase 2 (dal 4 maggio in poi).

“Se si volesse definire con uno slogan la caratteristica del periodo che va dal 4 maggio in poi, in ottica di genere, potrebbe essere “men first” – si legge nel report - Dopo il lockdown, infatti, a rientrare al lavoro fuori casa sono prima, ed in misura maggiore, gli uomini, sia nel caso del lavoro dipendente che del lavoro autonomo/indipendente. Il rientro al lavoro è legato essenzialmente a tre elementi: prima di tutto alla normativa (che ha definito il calendario di riapertura delle attività produttive), poi alla richiesta specifica dei datori di lavoro e infine a una sorta di “accordo familiare”. In caso di presenza di figli, è soprattutto questo accordo con il partner che ha accentuato le differenze. Il 15 % delle donne intervistate, infatti, dichiara di aver potuto rientrare al lavoro, ma di non averlo fatto per rispondere alle esigenze del carico familiare. Dietro a questa scelta si nascondono “motivazioni organizzative, culturali (“la capacità di cura e gestione familiare”) ed economiche: il reddito del partner è più alto e la perdita economica familiare è più bassa se a lasciare il lavoro è la donna.

“Dall’ indagine del nostro Istituto emerge che il care burden incide fortemente sulle dinamiche della transizione tra la fase del lockdown e la fase della graduale ripresa delle attività lavorative – ha spiegato il presidente dell’INAPP, prof. Sebastiano Fadda – acutizzando la diseguaglianza di genere e intralciando una più robusta ripresa economica. Ciò suggerisce due importanti considerazioni. La prima è che i provvedimenti di emergenza dovrebbero assumere una più forte calibratura compensatrice di questa asimmetria di genere. La seconda è che questo, tuttavia, non è sufficiente: è necessario che la funzione di “care taker” (lavoro di cura) venga per quanto possibile trasposta a livello di prestazioni professionali qualificate e retribuite nell’ambito di una ristrutturazione dei sistemi di welfare. Ciò produrrebbe un effetto immediato di innalzamento del livello di attività economica e consentirebbe una maggiore partecipazione femminile al mercato del lavoro”.

Il policy brief “Il post lockdown: i rischi della transizione in chiave di genere” è accessibile sul sito dell’Inapp www.inapp.org

Per maggiori informazioni:

Giancarlo Salemi

g.salemi@inapp.org

Portavoce presidente Inapp - 06 85447700

 

Ufficio stampa Inapp

stampa@inapp.org